Validazione indirizzi: i punti di forza di Egon

on .

validazione indirizziperchè utilizzare Egon per la validazione indirizzi

La validazione indirizzi rientra tra le principali strategie di data quality a supporto di aziende che possiedono database di indirizzi postali (quali ad esempio gli archivi clienti-fornitori o i gestionali amministrativi).

Egon è un software data quality potente e preciso (fruibile via web in pochi click oppure integrabile nei propri applicativi aziendali sotto forma di plugin aggiuntivo) in grado di supportare in vari modi le esigenze di quest’area applicativa.

Egon garantisce infatti la rapida ed esatta normalizzazione di database di indirizzi contenenti da alcune centinaia di migliaia fino a diversi milioni di record.

CHIEDI SUBITO La TUA DEMO GRATUITA!

Come in ogni ambito applicativo ciascuna azienda adotterà un approccio differente: da quello più professionale a quello più spartano con esecuzione manuale fatta da operatori data entry.

 L’utilizzo di un software di validazione, costruito nel tempo da un team di specialisti del settore e aggiornato quotidianamente garantisce risultati ottimali che in prospettiva significano un risparmio reale di tempo e di denaro. Una volta analizzato e validato un database indirizzi infatti (operazione che può durare da alcuni secondi fino a qualche decina di minuti), si avrà immediatamente a disposizione un archivio di recapiti postali ai limiti della perfezione possibile e questo in concreto significa:

  • riduzione delle spese di manutenzione database
  • eliminazione di spedizioni errate o doppie e triple
  • supporto ai successivi inserimenti manuali mediante la funzionalità di autocomplete real time durante la digitazione
  • riduzione drastica dei tempi di postalizzazione grazie alla formattazione postale automatica garantita da Egon
  • ritorno di immagine a livello di professionalità con i propri clienti

Per qualsiasi dubbio o per provare subito gratuitamente la potenza di Egon in versione demo, CONTATTACI SUBITO!

Share on Google+1Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0